L'analisi sulla Tav, '7-8 mld di perdite'. Ma 'dissidente' dice no

Secondo l’analisi costi-benefici redatta dalla commissione ministeriale sulla Tav, i costi della Torino-Lione superano di 7-8 miliardi i benefici, mentre il rischio massimo delle penali e dei rimborsi sarebbe di 1,7 miliardi.
Ma in serata arrivano le conclusioni del prof “dissenziente” Coppola, che si era dimesso per non partecipare alla stesura del testo.
Si riaccendono così le tensioni nella maggioranza, già alla prova dopo il voto in Abruzzo (Di Maio assente al vertice a Palazzo Chigi).
Toninelli commenta: ‘Numeri impietosi, deciderà il governo’.
Il M5s ribadisce: ‘Lo stop è l’unica via’.
Ma il commissario straordinario Foietta attacca: ‘Dalla farsa alla truffa.
Un’analisi realizzata per far quadrare i conti in base a quel che vuole il padrone’.
Le imprese torinesi parlano di ‘numeri risultato di un lancio di dadi’.
Il presidente di Confindustria Boccia rilancia: ‘E’ una grande occasione per dare lavoro a 50mila persone, a noi basta’.
Salvini: ‘Non ho letto’, poi in serata aggiunge, ‘Leggerò le carte ma resto della mia idea.
Chi le ha lette mi dice che ci sono dati un po’ strani che ci confermano l’idea di andare avanti’; il leader della Lega non si opporrebbe ad un eventuale referendum.
“Ci sono argomenti” dell’analisi costi benefici “su cui potremmo discutere e discuteremo attorno a un tavolo: troveremo una sintesi di buonsenso”.
Lo dice il sottosegretario leghista alle Infrastrutture Armando Siri che valuta “un po’ fuori luogo”, anche in chiave di politica ambientale, valutare come costi i mancati incassi da accise e pedaggi.
Ad ogni modo, sottolinea, “è la politica a fare le scelte strategiche e di contesto.
Sarebbe un peccato perdere un’occasione così importante”.
“A Conte ho riportato la posizione del Parlamento Ue che è favorevole a realizzare le infrastrutture, quindi riteniamo di prioritario interesse per l’Europa la realizzazione anche della Tav”.
Così Antonio Tajani dopo l’incontro con Giuseppe Conte.
“Per quanto mi riguarda la Tav è un’opera prioritaria e da commissario ai trasporti abbiamo finanziato la parte europea transfrontaliera, ritengo che quei soldi debbano essere investiti bene e non buttati al vento perché cinque capricciosi esperti no-tav hanno detto che non si deve fare”.
“L’analisi conferma i dubbi sull’utilità dell’opera, ma la scelta spetta al Governo”, è il commento della sindaca di Torino Chiara Appendino.
Il professore Pierluigi Coppola ha consegnato al ministro Danilo [...]