L'ennesima gaffe del Cavaliere

"Io ti ho dato la tua donna", una frase da don Giovanni attempato, da Bagaglino, da comico delle navi da crociera che non si dovrebbe mai proferire in un'occasione istituzionale dall'alto valore diplomatico.
Conferenza finale del vertice italo-francese.
Berlusconi sussurra una battuta a Sarkozy.
Sulle prime il capo dell'Eliseo incassa.
Poi abbozza un sorriso di circostanza e continua a pronunciare il suo discorso ufficiale.
La trasmissione serale di Canal+ "Le Grand Journal" ha ricostruito il labiale del Cavaliere.
Il gramelot del premier è un misto tra le due lingue ed è venuta fuori una frase cui i giornali francesi assegneranno l'Oscar della volgarità: "Moi je t'ai donné la tua donna".
Ovviamente l'allusione era alla Carlà nazionale, la first lady francese.
La Bruni in passato non aveva nascosto il fastidio per l'ironia "deplacé" del primo ministro italiano.
Ancora una settimana fa Berlusconi aveva commesso uno scivolone sui desaparecidos argentini.
Ma è nei prosceni internazionali, fuori dal protocollo d'ordinanza italico, che il premier da il meglio di sé.
Come nella memorabile polemica sul kapò con l'europarlamentare della Spd Schulz.
O si tratta di un'ironia che non viene colta da diplomazia così paludata e commentatrice.
Arrivederci alla prossima polemica della politica d'avanspettacolo.
Berlusconi, gaffe con Sarkozy Caricato da Video-Reporter

Leggi tutto l'articolo