L'iPhone ha i giorni contati?

Microsoft gira pagina e partorisce un sistema operativo mobile a suo modo rivoluzionario, proprio quando alcune voci davano quasi per certo l’allontanamento del gigante di Redmond dal mercato dei cellulari.
Il numero 7 evidentemente porta bene, a Natale i primi cellulari dotati di Windows Mobile 7.
La presentazione a Barcellona, durante il Mobile World Congress.
Microsoft punta ancora sul numero 7 e, anche questa volta, sembra avere ragione.
La nuova versione del sistema operativo mobile non è un rimpasto delle precedenti, è un progetto praticamente tutto nuovo che fa tesoro dell’esperienza acquisita sul campo, aggiungendo integrazione e togliendo qualcosa.
Tra le cose tolte c’è la pennina, i display dei “windows phone” diventano grandi e capacitivi mentre, tra le cose aggiunte, c’è maggiore integrazione di servizi (tutti targati Microsoft) che conferiscono qualcosa in più.
La comunità di videogiocatori Xbox conta ormai quasi 23milioni di persone, ed ecco che sui nuovi smartphone sbarcherà Xbox live.
La multimedialità sarà invece garantita da Zune, la risposta che Microsoft ha dato all’ iTunes di casa Appple.
Ed è proprio per rispondere sia all’iPhone sia agli smartphone dotati di Android che nasce Windows Mobile 7, anche se sorgono legittime e spontanee alcune domande.
Quali sono i reali vantaggi per le aziende che puntano sui dispositivi mobili per il proprio business? Perché attendere Natale per commercializzare i primi “windows phone”, sapendo che il nuovo iPhone 4G irromperà sul mercato prima della fine del 2010? E’ facile presumere che non basterà l’interfaccia ridisegnata e qualche feature in più a fare la differenza e ci sono due considerazioni da fare: o a Redmond hanno sbagliato i calcoli – cosa poco probabile – oppure durante la presentazione ufficiale del nuovo sistema operativo mobile, il CEO Steve Ballmer ha conservato qualche asso nella manica.
In questo caso la campagna di promozione del nuovo nato di casa Microsoft sarà ancora lunga e riserverà qualche colpo di scena, del resto i produttori di telefoni mobili si sono dimostrati molto attenti e hanno già annunciato di volere impegnarsi a fondo sulla personalizzazione del nuovo Windows Mobile.

Leggi tutto l'articolo