L'inno della discordia

TEST: CONOSCI L'INNO DI MAMELI? "Quando si canta il nostro inno, il Va' pensiero, lo cantano tutti perché tutti conoscono le parole, non come quello italiano che nessuno conosce: vuol dire che gli italiani ne hanno piene le scatole".
Le parole della star politica dell'estate Umberto Bossi scuotono per l'ennesima volta in pochi giorni l'opinione pubblica italiana.
Dopo il Tricolore da arricchire con i simboli regionali e il dialetto da insegnare nelle scuole, il Senatùr tira fuori uno dei suoi cavalli di battaglia di sempre: l'inno obsoleto e sconosciuto ai più (qui il testo completo).
Oltre al fatto di essere ancora provvisiorio dal 1946.
Nessuno dimentica le polemiche sollevate da Ciampi che strigliò i calciatori italiani rei di fare scena muta al momento dell'inno nazionale.
Da allora tutti gli sportivi lo cantano con trasporto (alcuni addirittura mettendosi la mano sul cuore) e nelle pubbliche occasioni capita spesso di sentirlo intonato, eppure per Bossi non è abbastanza.
Le reazioni anche stavolta non sono mancate e sono state impietose: Bocchino (PdL) "l'inno d'Italia è una cosa seria", Cesa (Udc) accusa Bossi di essere "fuori dalla realtà", mentre l'Idv pensa di regalare ai ministri della Lega un cd per impararsi il testo (con un vocabolario annesso).
Solo un annetto fa su Virgilio era stato fatto un sondaggio chiedendo ai lettori quale fosse l'inno ideale: Va Pensiero e Fratelli d'Italia sono arrivati quasi appaiati, divisi solo da pochi punti percentuali.
Accusato di essere una marcetta, l'inno avrebbe invece secondo alcuni esperti un tono molto patriottico, magari un po' fuori dal tempo ma di sicuro impatto.
Versi come: "L'Italia s'è desta" o "Stringiamci a coorte siam pronti alla morte", malgrado un celebre segno di smentita di Berlusconi (video), sono entrati nel sentire comune.
Senz'altro più indigesto per Bossi il verso "Che schiava di Roma Iddio la creò" nei confronti del quale fece addirittura il gesto dell'ombrello (video).
Magari si potrebbe trovare una soluzione tutta italiana: tenere l'inno ma aggiornare un po' il testo.
TEST: CONOSCI L'INNO DI MAMELI? Cambiare l'inno, ritoccarlo o tenerselo stretto diventa il tormentone dell'estate: tu che ne pensi?

Leggi tutto l'articolo