L'ultima illusione degli Euthymia

Debutta uffi cialmente sabato 24 gennaio «L’ultima illusione», opera prima della compagnia teatrale- musicale sanmaurese degli Euthymia.
Lo spettacolo ospitato dal teatro Sant’Anna alle 21 è promosso dal gruppo missionario dell’Unità Pastorale 31 con il patrocinio del Comune.
La vicenda ruota attorno due personaggi, un ragazzo e la sua fi danzata, e al loro rispettivo incontro con un misterioso individuo che, nell’arco di una notte, cambierà le loro vite per sempre.
Perno della rappresentazione sono alcuni fondamentali nuclei tematici che spaziano dall’amore alla fedeltà, dalla speranza all’illusione alla morte.
Su tutto l’ombra sinistra del «demoniaco», inteso sia come manifestazione fi sica, reale, sia come proiezione psichica di paure, dubbi e segreti inconfessabili.
Gli Euthymia danno vita ad un’opera rock in cui letteratura, teatro e musica si fondono coinvolgendo il pubblico in un’originale esperienza artistica.
Sul palco, oltre alla voce profonda e suadente del giovane attore sanmaurese Valerio Idile, narratore dell’intera vicenda, c’è una band di quattro elementi: Chiara Raggi, voce; Dario Mecca Aleina, tastiere; Simone Bellavia, basso; Alan Brunetta, batteria.
Le sonorità si rifanno prevalentemente al fi lone Progressive rock di matrice inglese (King Crimson, Emerson Lake & Palmer, Genesis, Pink Floyd) e italiana (PFM, Banco del mutuo soccorso, Arti e Mestieri, Trip).
«Abbiamo grande fi ducia in questa iniziativa», dice Franco Guazzotti del gruppo missionario.
«L’idea dello spettacolo ci ha conquistato fi n da subito e speriamo che anche il pubblico ne rimanga colpito.
In futuro ci piacerebbe continuare su questa linea, magari organizzando qualcosa anche in piazza, all’aperto, per coinvolgere la gente anche al di fuori dei locali parrocchiali».
Il ricavato della serata sarà devoluto alle suore Giuseppine di via Sanctus, che seguono l’adozione a distanza di alcuni bambini in Congo.
Per maggiori informazioni: progettoeuthymia@gmail.com.

Leggi tutto l'articolo