L'umanità e gli orchi

Era convincimento dei nostri nonni e padri che il mondo 'è bello perché vario', ma, se avessero conosciuto la globalizzazione e il melting pot dentro le patrie frontiere, dubito che lo avrebbero mantenuto e tramandato quale saggia 'vox populi'.
Perché la varietà del mondo porta seco il conflitto e non lo elabora, bensì lo tramanda di generazione in generazione – vedi, ad esempio, i fratelli slavi della ex jugoslavia che, dopo decenni di serena convivenza sotto le bandiere socialiste del grande combattente Tito, se le suonarono di santa ragione tra sloveni, croati e serbi - e i mussulmani di Srebrenica e Sarajevo a far da tappeto orribile di morti e feriti e dispersi nelle fosse comuni.
Nè notizie migliori ci vengono da Ferguson, Missouri – dove i neri americani tornano ad essere gli eredi rebbiosi degli schiavi neri rivoltosi d'antan e non accettano le sentenze dei tribunali che mandano assolti i poliziotti e non gliene potrebbe importar di meno dello stato di diritto che quei tribunali legittima e pone (astrattamente) 'al di sopra delle parti'.
  E, quanto a varietà del mondo e di opinioni gaglioffe e canagliesche, che dire del premier turco Erdogan e di tutti gli elettori filo islamisti che lo hanno voluto alla guida del governo della Turchia - che delle donne dice che devono essere sottomesse all'uomo perché la natura 'le ha fatte diverse' e il loro sacro e solo ruolo sociale è di essere madri e 'custodi del focolare' - e siano dannate le femministe di ogni ordine e grado e nazione perché bestemmiano le sure e le prescrizioni del sacro Corano e i loro comportamenti e verbi vanno additati al pubblico ludibrio? Senza trascurare che, se sono vere le affermazioni degli 'osservatori internazionali' che additano la Turchia quale acquirente del petrolio maledetto venduto dai capi e i califfi dell'Isis, per proprietà transitiva, Erdogan e lo stato turco che rappresenta foraggia il terrorismo internazionale ed è indirettamente corresponsabile dell'orrore dei tagliatori di teste di quell'esercito di pazzi fanatici e suonati di seconda generazione che corrono ad arruolarsi a migliaia rinnegando l'Occidente che li accolti e forniti di cittadinanza.
  No, davvero.
Il mondo non è bello perché è vario.
E' maledettamente vario, questo si, ma la bellezza del mondo raramente si specchia nella specie umana che sforna orchi orribili e macellai a migliaia e milioni.
  'L'umanità è fitta di orchi con mani di carnefici e denti di cannibali' - Michel Tournier (libera citazione)

Leggi tutto l'articolo