L'università Nolana non si tocca!

La Fuci, che insieme all’Udu ha dato vita al movimento "Intesa Universitaria nolana", si occupa ponendosi in prima linea della questione dello spostamento delle facoltà di Giurisprudenza dell’Università Parthenope da Nola a Napoli.
L' Università Nolana conta più di 7000(settemila) iscritti con una media di 1000(mille) iscritti ogni anno.
Da quest'anno però è stata aperta la Facoltà di Giurisprudenza della Parthenope anche a Napoli in una nuova struttura, frutto di un investimento dalla Facoltà Parthenope, a Monte di Dio.
Sono così venute a crearsi due Facoltà di Giurisprudenza della Parthenope a 30 km di distanza l'una dall'altra.
Il dato interessante però è che mentre la sede di Nola ha continuato a registrare le "solite" 1000(mille) matricole annue la se di Napoli ne ha iscritte 150(centocinquanta).
Con l'apertura della nuova sede a Napoli la facoltà di Nola è diventata sede "secondaria" e per tale ragione, in virtù del decreto Gelmini, dovrà essere chiusa.
Tale spostamento rappresenta per il nostro territorio una inequivocabile perdita sia dal punto di vista economico che, soprattutto, culturale e la Fuci di Nola, attraverso il suddetto movimento “Intesa Universitaria nolana”, è in prima linea nella difesa della struttura universitaria.
L’impegno profuso si concretizza innanzitutto attraverso l’importante opera di raccolta firme; la stessa ha avuto inizio domenica 6 marzo mediante un gazebo sito in Piazza Duomo.
Già nella prima mattinata si sono raccolte centinaia di firme ma quello che più è stato sorprendemente riscontrato è stata la partecipazione diretta di tutto il popolo, persone di ogni ceto ed età accomunate da una volontà comune: difendere il futuro dei propri figli e della propria città.
L’attività è continuata su tutto il territorio, sintomatica è la presenza anche al Centro Commerciale Vulcano Buono domenica  13 marzo.
Ancora una volta il contatto diretto con le persone, lo scendere nelle piazze, si è dimostrato essere il mezzo migliore di confronto e di interazione, ecco perché la Fuci continuerà l’attività di raccolte firme, mediante il Comitato Intesa Universitaria Nolana, su tutto il territorio ed altresì on line, sempre all’insegna del grido “Nessuno tocchi l’Università di Nola”

Leggi tutto l'articolo