L'uomo che punge le zanzare - Nel canile lager

Ricordo il mondo come era fatto una volta, senza reti, senza freddo, senza fame, senza creature cattive che mordono la mia pelle e fanno male.
Ricordo una casa grande e un giardino e alberi con fresca ombra.
Ricordo una ciotola con sempre tanta pappa buona, la mia pallina ed ore ed ore per giocare.
Ricordo che sembrava avessi occhi sinceri e buoni.
Ricordo che ti volevo bene.
Ricordo che eri un amico.
Ricordo che se fosse giunto il peggior mostro a farti del male, io lo avrei morso, lo avrei graffiato, fino alla fine.
Per te.
Per te che eri un grande.
Per te che sembravi vero.
Cosa ti posso aver fatto non lo so.
Forse sono stato cattivo, ma se lo sono stato non l'ho fatto apposta.
Eppure ho sempre fatto la pip� quando e dove volevi tu, Ti ho sempre seguito, anche se c'erano cose belle e nuove da annusare.
Mi sono sempre messo buono in disparte quando urlavi senza motivo.
Delle volte mi davi dei calci senza motivo ma non mi sono mai ribellato.
Cosa � cambiato non lo so.
Il mondo deve es...

Leggi tutto l'articolo