L´anno nero del terziario in città 374 licenziamenti

 (10 dicembre 2008) L´anno nero del terziario in città 374 licenziamenti Bata, Fiorentino, Legno market, Hugony: ecco la mappa dei licenziamenti di Isabella Napoli La crisi fa perdere al terziario palermitano ben 374 posti di lavoro.
Sono ventotto le aziende della città che nell´ultimo anno hanno fatto ricorso a procedure di mobilità, quaranta i dipendenti in cassa integrazione, mentre sono a rischio anche 1.346 contratti a tempo determinato di precari impiegati negli studi professionali e nella grande distribuzione.
Questi, secondo la Filcams-Cgil di Palermo, i numeri della recessione che ha investito il commercio e il terziario avanzato, dall´informatica ai servizi.
Palermo presenta il quadro più drammatico: su 1.344 aziende iscritte alla Camera di commercio, 762 hanno cessato l´attività e 44 sono fallite.
Ma anche nel resto dell´Isola la situazione non è rosea: sono ottanta le imprese commerciali in crisi e 1.403 i posti di lavoro tagliati.
A fronte di questo ridimensionamento, le aziende hanno attinto al fondo per gli ammortizzatori sociali per un totale di oltre 13 milioni 662 mila euro nel 2008.
Per il 2009 si prevede che la cifra cresca fino a quasi 14 milioni di euro.
«Ma questa è soltanto la punta dell´iceberg di un fenomeno più grande - dice Maurizio Calà, segretario generale della Camera del lavoro - perché su 29.969 aziende il sommerso conta per circa il 70 per cento e perché ci sono molte microimprese con meno di 50 lavoratori che licenziano senza potere ricorrere alla mobilità e alla cassa integrazione».
Tra le aziende che hanno licenziato, la Infoto del gruppo Randazzo, che ha chiuso i battenti nel dicembre scorso e ha avviato la mobilità per 51 lavoratori, e la Blockbuster di via Pacinotti, che ha chiuso i battenti mettendo in esubero sei dipendenti.
Ma anche il negozio Bata di via Roma, la gioielleria Fiorentino di via Libertà, i negozi ex Miraglia che dipendono dalla Gmc Spa in via Leonardo da Vinci e in via La Malfa con un bacino di 52 esuberi, il deposito di farmaci SoFarmaMorra, la Delivery & Mail Spa di Termini Imerese che si occupa di consegne, le società di guardie giurate Securinform e Civis Pol Sicilia, le società di catering Dussmann Service e Cot, la Coop 25 Aprile con 40 cassintegrati nel punto vendita di Carini, la società di servizi sanitari Angio Tac, la ditta di informatica E-Group Italia, la Supermercati Srl, i punti Sma con 23 lavoratori in mobilità e Legno Market, che aveva già messo in mobilità 40 dipendenti e quest´anno ha avviato le procedure per altri 25 [...]

Leggi tutto l'articolo