L’embrione umano: come va considerato?

ROMA, giovedì, 27 luglio 2006 (ZENIT.org).- Da circa un anno monsignor Raffaello Martinelli, Officiale alla Congregazione per la Dottrina della Fede e collaboratore del Cardinale Joseph Ratzinger per 23 anni, ha messo a disposizione dei fedeli presso la Basilica dei SS Ambrogio e Carlo al Corso, a Roma, alcune schede catechistiche su argomenti di attualità, redatte sulla base del Catechismo e di altri documenti pontifici.
Con grande meraviglia monsignor Martinelli, che dal 1987 è anche Rettore del Collegio Ecclesiastico Internazionale San Carlo e Primicerio della Basilica di San Carlo al Corso (www.sancarlo.pcn.net), ha constatato che più di 800.000 schede sono state prese dalle persone che sono entrate nella Basilica.
Conscia di questa situazione, Antonia Salzano, Presidente dell'Istituto e delle Edizioni San Clemente I Papa e Martire (www.istitutosanclemente.it) ha voluto raccogliere le 33 schede in un CD, ora in vendita presso le librerie cattoliche con il titolo "Catechesi Dialogica su argomenti di attualità".
Considerando la qualità, la competenza e l'utilità di queste schede catechistiche, ZENIT ha deciso di pubblicarne una ogni giovedì.
Il tema affrontato questa settimana è: "L'embrione umano: come va considerato?".
* * *Che cos'è l'embrione? E' il frutto della fusione di due cellule germinali, una della madre (ovocita) e l'altra del padre (spermatozoo).
Tale processo di fusione si chiama fecondazione /concepimento, da cui ha inizio il ciclo vitale di un individuo umano.
Quale dignità gode l'embrione? Esso gode della dignità di essere umano e, quindi, del proprio diritto alla vita fin dai suoi primi giorni di intensa e autonoma attività secondo la legge scritta nel suo piano-programma inciso nel DNA.
Dove si fonda tale affermazione? Sulla scienza anzitutto, e poi anche sulla fede cristiana.
La Scienza che cosa dice circa l'embrione umano? • Alcuni dati di carattere scientifico, medico, genetico illustrano l'identità dell'embrione umano a partire dal suo concepimento.
La ricerca scientifica ha mostrato come l'embrione possieda una propria identità individuale sin dal concepimento.
È attraverso la fecondazione che inizia la vita individuale - e, dunque, personale - di ciascuno di noi.
Lo documentano innumerevoli studi di citologia e citogenetica, genetica molecolare, biologia della riproduzione e dello sviluppo, e ostetricia.
• La conoscenza della verità biologica dell'embrione umano e la riflessione razionale sopra il suo reale stato ontologico conducono pertanto ad affermare che l'embrione umano [...]

Leggi tutto l'articolo