L’esperimento gialloverde è fallito

 

Con il varo del decreto sulla quota 100 per i prepensionamenti e per il reddito di cittadinanza, si esaurisce di fatto la fase propulsiva del governo gialloverde. I due provvedimenti rappresentano il cuore del contratto di programma, fondato su una idea distorta di crescita economica basata sulla espansione del deficit della pubblica amministrazione nella parte della spesa corrente, per sostenere i consumi interni.
L’esito è già fallimentare: con la crescita costante della spesa per interessi sul debito pubblico, e per la previdenza e l’assistenza, che costituiscono una ipoteca per le prossime leggi di stabilità. Questa non è una eventualità, ma un fatto sostanziato nella legge di bilancio 2019, che prevede dei tagli automatici della spesa statale a fronte di uno sforamento negativo nelle previsioni della crescita economica, che ormai tutte le Autorità internazionali e interne danno per scontato.
E lo sarà anche per le leggi di bilancio del 2020 e 2021, per far fronte con l’aume...

Leggi tutto l'articolo