LA 173ma AIRBORNE DI VICENZA RINFORZA L' ARTIGLIERIA AVIOLANCIABILE

Ar70-90 scrive:VICENZA: LA 173ma AIRBORNE DI VICENZA RINFORZA L' ARTIGLIERIA AVIOLANCIABILE DI STANZA ALLA EDERLEVICENZA- Sono passati poco più di due anni da quando gli artiglieri paracadutisti italiani hanno salutato gli obici da 105/14 nel cortile della Pisacane.In quel momento la Folgore rinunciava alla artiglieria da campagna, con una scelta che molti esperti militari avevano commentato con preoccupazione e sorpresa .Non era dello stesso avviso l'esercito americano, che, al contrario, da qualche anno sta rinforzando le unità di artiglieria aviolanciabile di stanza in Italia, incorporate nelle Brigate Paracadutisti.E' di ieri la notizia che i Parà americani rinforzano la 173ma airborne con un aggiuntivo "Battalion" ( che ha quasi la consistenza di un Reggimento) di artiglieria da campagna, che si aggiunge a ciò che già esiste."Fuoco amico" di artiglieria, dunque, in supporto di paracadutisti che, come quelli di Vicenza della 173ma, furono lanciati nel dicembre 2004 in pieno Afghanistan e lasciati per molte settimane con il solo equipaggiamento leggero e le armi di reparto.Rinforzare l'artiglieria aviolanciabile è ,quindi, una scelta che indica , per la seconda volta, una volontà dell'esercito americano di valorizzare al massimo le capacità offensive dei reparti Paracadutisti ed il loro impiego tipico, in autonomia di fuoco.L'abbandono dell'artiglieria Paracadutisti italiana , come ricorderete, fu generato da ristrutturazioni dell'Esercito, cruente e ,talvolta, dettate da motivi economici più che di strategia.
Ci risultano studi per ricreare un Reggimento di artiglieri paracadutisti , prima che l'enorme patrimonio di conoscenze -ed umano- tutt'ora presente alla Folgore , scompaia.Aspetteremo.Come certamente ricorderanno i moltissimi congedati che visitano queste pagine,sino al 2000 era la Folgore a dare l'esempio agli altri eserciti di come si potesse brandeggiare un obice con la facilità con cui si maneggiava un'arma di reparto , portandolo dovunque.Come Folgore sempre e dovunque! , non a caso, era il motto del 185° rgt art par, ora cambiato in "VIDERE NEC VIDERI", dopo la trasformazione in ACQUISIZIONE OBBIETTIVI.Ma torniamo alla 173ma: giunge a Vicenza ciò che resta della più famosa unità di fanteria ,fondata nel 1917 e sciolta pochi giorni orsono, per essere trasformata in un più snello ed aggressivo "AIRBORNE ARTILLERY REGIMENT".Il reggimento, dice il Dipartimento della difesa americano, diventerà supporto di fuoco totalmente aviolanciabile ( pezzi e serventi) della 173esima brigata paracadutisti di [...]

Leggi tutto l'articolo