LA 70^ FIERA CAMPIONARIA INTERNAZIONALE DI MESSINA RIEVOCA LA BATTAGLIA DI LEPANTO

     LEPANTO: UN MOMENTO PER RICORDARE LA STORIA   Messina – Il 6 agosto 2009 ha avuto luogo la rievocazione storica in costumi d’epoca di momenti legati alla battaglia di Lepanto, con l’arrivo a Messina di don Giovanni d’Austria ed il saluto del Senato messinese.
Una delle tante iniziative portate avanti dal Commissario Straordinario Fabio D’Amore e dal suo staff per la 70^ edizione della Fiera Campionaria Internazionale di Messina.
Una Fiera nuova, innovativa, dove si è riuscito a realizzare una stretta sinergia fra economia, cultura e spettacolo.
Il luogo ed il nome di Lepanto sono strettamente legati alla storia militare del Mediterraneo.
Sono ben otto, infatti, le occasioni durante le quali la località greca e il suo golfo sono stati teatro di scontri o battaglie, dal 429 a.C., al 1688 quando la flotta veneziana di Francesco Morosini strappò nuovamente la città ai Turchi.
Ma è naturalmente il grande scontro del 1571 tra la flotta cristiana e quella ottomana ad averne consacrato l’epopea e ad averne assicurato la fama.
Alla rievocazione storica nel capoluogo peloritano, organizzata dalla “Marco Polo System” in collaborazione con l’Associazione “Aurora” e sostenuta dalla Fondazione Bonino Pulejo, erano presenti due delegazioni provenienti da Venezia (dott.
Piero Pettenò) e dalla città di Lepanto (il sindaco dott.
Thanasis Papathanasis) in Grecia: in loro onore si è svolta, nella mattinata, una regata velica, promossa dal Comandante della Capitaneria di Porto di Messina Nunzio Martello e da Irene Gitto, responsabile della comunicazione e promozione (Project Leader).
Massima adesione da parte dei principali circoli velici locali, eredi e prosecutori delle tradizioni marinare peloritane, e di numerosi appassionati di nautica.
Partenza alle ore 11.30 dalla “Lega Navale” a Pace, rotta sotto costa per Capo Peloro, giro di boa e ritorno nella rinomata località turistica messinese.
Nel pomeriggio, alle ore 18.30, l’evento storico, con figuranti, rappresentanti varie squadre della flotta cristiana, armigeri e sbandieratori, in costume d’epoca, sotto la direzione artistica Del professore Enzo Caruso e la sceneggiatura dell’architetto Nino Principato.
Rispettato il programma, con la formazione di un corteo storico che, inizialmente, ha attraversato il porto di Messina partendo dal Forte “S.
Salvatore” (grazie al supporto della Capitaneria di Porto di Messina,  della Marina Militare e delle barche paciote dei circoli veloci e dei pescatori della riviera) fino alla Marina del Nettuno [...]

Leggi tutto l'articolo