LA CAPOLISTA

ALLA GRANDE Sì, ok, ci caghiamo addosso sul 4-0 e in Europa andiamo così così.
Forse, però, è anche giusto prendersi una camomilla e dare un'occhiata alla classifica del campionato italiano di serie A Tim, ora che abbiamo passato la boa della decima partita e un quarto del torneo se n'è già andato.
Siamo primi, con 4 punti di vantaggio sulla seconda e con 4 punti in più dello scorso anno.
A proposito dei raffronti con il 2008: in 10 partite abbiamo segnato 10 gol in più.
No, dico: un gol in più a partita.
14 gol segnati nelle ultime 4 partite: no, dico.
8 vinte su 10: abbiamo pareggiato a Ferragosto col Bari e abbiamo perso in trasferta con la Samp al picco della forma.
Ne abbiamo vinte 8 delle ultime 9.
Miglior attacco e quasi miglior difesa, non fosse stato per le 3 pere del Palermo.
Certo, abbiamo giocato 6 partite in casa e 4 in trasferta, vabbe', è l'unica vera facilities di questo inizio di campionato.
A parte Juve e Fiorentina, abbiamo già affrontato 7 della 9 squadre che ci seguono in classifica.
E abbiamo già avuto i nostri begli infortuni (menisco di Cambiasso, stiramenti di Milito, Motta e Sneijder, più una miriade di acciacchi vari a cominciare da Eto'o).
L'anno scorso, alla decima giornata, la capolista solitaria (con un punto su di noi e l'Udinese) era il Milan, roba da matti.
Che sì, vince a Madrid (ma che caso, giusto appena prima che il Real ne prendesse 4 dal Pergocrema spagnolo), ma ha 6 punti meno del 2009 e 9 meno di noi oggi.
La Juve va meglio di un anno fa (3 punti in più), ma è dietro di 4.
Tra un mese, a cavallo tra novembre e dicembre, affronteremo Fiorentina e Juve.
Lì vedremo a che punto saremo, seriamente.
Nel frattempo, a chi dice che giochiamo da fare schifo, pregherei aggiungere alla cineteca 2009 il primo tempo col Palermo e anche gli highlights: vorrei contare da oggi fino a maggio quante squadre ne daranno 5 al Palermo, 5 che potevano essere 10 (gol mangiati a iosa).
Il Palermo nel suo piccolo aveva preso la Juve a pallate.
Era il 4 ottobre.
Del 2009, non del 1492.

Leggi tutto l'articolo