LA CONFESSIONE DI UNA CHE OGGI SI RITIENE DEFICIENTE, NOI SAPPIAMO CHE E' IN BUONA COMPAGNIA, ERANO TANTI INTELLETTUALI A CUI RENZI STAVA ANTIPATICO

Confessioni di una deficiente.Confesso, sono una deficiente. Pur avendo questo giornale scoperto il piano Bdel primo accordo di governo, l'ho poi lasciato da parte, cullata lentamente in uno stato di semicosciente ottimismo, perché poi, alla fine, chi mai davvero potrebbe esporre il paese alla destabilizzazione politica? Una cosa sono le idee altro è la responsabilità di governo, mi sono ripetuta. In fondo quale politico accetterebbe mai di giocare a carte con il Destino del Popolo in nome del Popolo? Non lo avevo messo in conto. Questo azzardo non l'ho visto arrivare perché era sempre stato lì, nello stesso atto fondativo della coalizione di governo.
NON TI RICORDI PIÙ LA TUA RENZIFOBIA.DEFICENTE ORA E POCO.
Annunziata il suo "Deficere" non si manifesta da ora ma dal tempo in cui Lei si allineava alla brigata dei cacciatori di Renzi. Sparare a Renzi era diventato lo sport nazionale dei "cosiddetti" pensatori di sinistra, uno sport che andava di moda, che portava consenso sia a voi g...

Leggi tutto l'articolo