LA CURA APPROPRIATA

LA CURA APPROPRIATA Predicando il vangelo del regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità (Matteo 9,35) Cura la cataratta e la congiuntivite, ma correggi la visione spirituale dei tuoi occhi.
Difenditi dalla sordità; affina peraltro il tuo modo di registrare le voci e le sollecitazioni che ti cercano.
Cura l'aritmia e la dispnea; tuttavia, nin consegnare il tuo cuore all'impulsività travolgente.
Combatti la nevrastenia e l'esaurimento, ma cerca di contenere emozioni e tendenze.
Medica la gastrite, ma modera il tuo appetito a tavola.
Migliora le condizioni del sangue; non sovraccaricarlo però con i residui di malsani piaceri.
Dà guerra all'epatite; libera peraltro il fegato dagli eccessi di cui sei solito compiacerti.
Rimuovi i pericoli dell'uremia, ma non soffocare i reni con veleni di calici brillanti.
Smuovi i reumatismi dalle membra, facendo però attenzione a ciò che fa con piedi, braccia e mani.
Risana ogni disfunzione cerebrale che ti stia minacciando, ma imoara a conservare la mente nell'idealismo superiore e in atti nobili.
Consacrati alla cura di te stesso, ma non dimenticare la predica del Regno Divino ai tuoi organi.
Essi sono vivi ed educabili.
Senza che il tuo pensiero si purifichi e senza che la tua volontà guidi la barca dell'organismo verso il bene, l'intervento degli umani rimedi non sarà che una inutile misura.
EMMANUEL.
Messaggio estratto dal libro "Seguimi", dello Spirito Emmanuel, psicografato (scrittura automatica) da Chico Xavier.
Questo libro fu pubblicato in italiano da Casa del Nazareno Edizioni.
www.casadelnazareno.it COMMENTO Dicono gli Spiriti che il corpo materiale è un prestito divino perché lo Spirito faccia sua crescita spirituale.
Però, come dicono tante persone, la vita materiale ci offre tanti tipi di piaceri che diventa difficile mantenere una vita sana e senza abusi.
Sono abusi di cibi, di bevande, di passeggi, del sesso, di riposo, insomma un'infinitá di piaceri e purtroppo per approfondire di più questi pensieri, le religioni predicano un'unica vita e perciò le persone pensano che devono goderla il più possibile.  Tuttavia, la vita non è unica e tutto quello che facciamo ritorna a noi per la legge di causa ed effetto.
Come detto sopra, il corpo è un prestito divino allo spirito affinché faccia sua evoluzione spirituale e come tutto prestito deve essere restituito il meglio possibile, senza tanti danni.  È possibile vivere una vita sana, senza eccessi e bella e felice, però, nostra poca evoluzione spirituale non ci permette accontentarci con una vita così.
E [...]

Leggi tutto l'articolo