LA CURIOSITA'

Se in casa arriva un oggetto nuovo, uno dei più interessati ad esaminarlo, girarci intorno, annusarlo, è il micio di casa.
Il gatto è un animale molto intelligente e la curiosità è un segno di intelligenza.
Se l’uomo non fosse stato curioso di soluzioni diverse da quelle istintive o apprese dai più anziani, non ci sarebbe mai stato progresso.
E tuttavia la parola ha connotazioni negative: e infatti ai bambini si insegna che la curiosità è un difetto.
In realtà, bisognerebbe insegnargli a distinguere la buona dalla cattiva.
La buona è quella che ci spinge a chiederci il perché di un fenomeno, a studiare, a coltivarci.
Della cattiva invece si può fornire un’infinità di esempi.
Se incontriamo qualcuno con una cicatrice sul viso è normale che ci chiediamo come se la sia procurata.
Ma chiederlo a lui è maleducazione.
Ecco una “cattiva curiosità” che i bambini devono evitare.
Da un lato la risposta non ci renderebbe più colti, dall’altro avremo solo costretto l’interlocutore a ritrovare un r...

Leggi tutto l'articolo