LA LEGGENDA DI COLAPISCI

  La gente lo chiamava Colapesce perchè stava in mare come un pesce da dove veniva non lo sapeva nessuno forse era figlio del Diu Nettuno.
Un giorno a Cola il re fece chiamare e Cola dal mare di corsa venne.
O Cola il mio regno devi scandagliare sopra che fondamento si sostiene.
Colapesce corre e và Vado e torno maestà.
Così si tuffa a mare Colapesce e sotto le onde subito sparisce ma dopo un poco, questa novità al suo re Colapesce dà.
Maestà le terre vostre stanno sopra a tre pilastri e il fatto assai tremendo, uno già si stà rompendo.
O destino mio infelice che sventura mi predici.
Piange il re, come debbo fare solo tu mi puoi salvare.
Sono passati tanti giorni Colapesce non ritorna e l'aspettano alla marina il re e la regina.
Poi si sente la sua voce dal mare in superfice.
Maestà! quà sono, quà Maestà! quà sono, quà nel fondo del mare che non posso più tornare voi pregate la Madonna che possa reggere questa colonna altrimenti si spezzerà e la Sicilia sparirà Sono passati tanti anni Colapesce è sempre là Maestà! Maestà! Colapesce è sempre là  

Leggi tutto l'articolo