LA MAMMA DI BRUNO

LA MAMMA DI BRUNOUn anno fa, di questi tempi, mentre l'Italiaera distratta e montava l'orgasmo mondiale, Bruno veniva ucciso daitedeschi.("Bruno veniva ucciso dai tedeschi".
Fa impressione,come frase)Anzi,dai bavaresi.
Che un bel giorno decidono chel'orso ha rotto troppo icoglioni (per tre galline morte, e checavolo) e va abbattuto, congrande felicità dei cacciatoriche si complimentano con i governantilocali e ringraziano consollievo:"Uh, meno male che avete deciso, perchè noil'abbiamo ucciso ieri".Cosicchè i bavaresi hanno correttol'ordinanza in "L'orso Bruno può essere ucciso daieri".Mavabbe', non polemizziamo più con i bavaresi.
Inqueste ore, un annodopo il barbaro assassinio di Bruno, èfinita anche la latitanza diJurka, la madre.
Anche lei come ilpovero Bruno è un'anarchica e daqualche mese si prendeva troppelibertà, tipo andare nei paeselli incerca di cibo spaventandocontadinotte e schuetzen.
Jurka ha tre figli.Uno era Bruno, e vabbe'.
Maanche gli altri due sono abbastanzapodisti.
Ma  lei, la Jurka,è molto peggio dei figli superstiti, piùfarfallona.
Lehanno messo il radiocollare.
Niente.
Hanno dovutospararle il sonnifero,come in quella pubblicità in cui stendono ilragazzofinlandese per vedergli i denti.
Pum!(non so sesiete d'accordo, ma quella pubblicità èsgradevole) (Jurka sarà senz'altrod'accordo)Mipiace questa famiglia di orsi anomali.
E trovo unpo' stucchevoli gliuomini.
Voglio dire: hanno fatto un sacco di casiniper reintrodurregli orsi in Trentino, e adesso ogni due per tre sipentono.
Peraltro,questi orsi in libertà ci stanno benissimo.Sono 25 e hanno fatto 13cucciolate negli ultimi due anni.
Se mi dovessimai reincarnaresceglierei l'orso: tromba, fa cose, vede gente.
Anzi,spaventa lagente.
E la gente scappa e non rompe più le palle.Basta non andare inBaviera, dove non capiscono una sega di queste cose.Me ne stareitranquillo in Trentino: una bella grotta e un paio di orsedisponibilia tenermi un po' compagnia nelle silenziose serate montanare.Mibasterebbe Scai, poi chi cazzo se ne frega, voglio dire.xXx

Leggi tutto l'articolo