LA MANI DI CRSTO SONO LE NOSTRE: CHE ONORE E CHE RESPONSABILITA!

XXXIV SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO  - SABATO  LE MANI DEL RE  Ap 22, 1-3a.  [L’Angelo] mi mostrò poi un fiume d’acqua viva, limpido come cristallo, che scaturiva dal trono di Dio e dell’Agnello.
In mezzo alla piazza della città, e da una parte e dall’altra del fiume, si trova un albero di vita che dà frutti dodici volte all’anno, portando frutto ogni mese; le foglie dell’albero  servono a guarire le nazioni.
E non vi sarà più maledizione.  L’ultimo giorno dell’anno liturgico ha, come tutti gli ultimi giorni un sapore un po’ strano, carico com’è di bilanci, di rimpianti, di speranze.
Le speranze sono simboleggiate in quest’albero descritto nella prima lettura, le cui foglie sono medicina, e nel fiume che porta vita ovunque arriva.
Ricorda, questo fiume, il fiume di grazia che scaturisce dal tempio nella visione del profeta Ezechiele al capitolo 40.
.
.
E’ uno standard della letteratura apocalittica.
Ma al di là dei copia-incolla che a volte gli scrittori (anche quelli più bravi) fanno, si può intravedere in questo fiume la sovrabbondanza di grazia che scaturisce da Dio.
L’albero viene ripreso da uno dei miei scrittori preferiti che è Tolkien, il quale al centro della capitale del reame di Gondor, teatro delle ultime vicende de “Il Signore degli Anelli” pone proprio un albero bianco, però morto, che simboleggia gli antichi splendori del reame.  .
Quando poi la guerra finisce un germoglio di questo albero viene ritrovato sulle montagne e ripiantato nella città.
Anche in questo frangente le foglie (anche se di un altro albero) servono come medicina.
Ma ciò che davvero guarisce sono le mani del re.
Anzi il criterio per riconoscere il re legittimo è proprio questo: se le sue mani guariscono.
Nell’esperienza cristiana siamo abituati a chiedere guarigioni di malanni o malattie ai santi o a chi per loro, dimenticandoci troppo spesso che ciò che guarisce è la presenza di Dio, che i santi richiamano ed evocano.
I santi questo lo sanno bene, nessuno di loro ha mai pensato che la virtù che guarisce, che pacifica, che salva viene da loro, ma è frutto della presenza di Dio.
Le mani che guariscono sono quelle di Dio.
.
.
A questo proposito mi viene in mente la statua che ha modellato un mio amico che viveva per strada: ha fatto un Cristo senza mani.
Quando io e un amico gli abbiamo chiesto perché ci ha risposto che le mani di Dio siamo noi, che dobbiamo portare la salvezza nel mondo.
E’ proprio così la salvezza viene da Dio ma lui l’ha posta nelle nostre mani.
.
.
Viene [...]

Leggi tutto l'articolo