LA NUGARA DEL DODESE

Son la nugara del Dodese.
Se devo dir la verità no so gnanca mi de preciso perché me ciamo nugara del dodese, ma de sicuro so che som vecia, e straca.
Quanti inverni ghe passàa da quando gho scominzià a capir che ki ero che ki sarèa restàa.
Non che me dispiasa pensar de restarmene ki tuta sola per tante de quele stagion, anzi, a pensarghe bem, me ghè volù tute stè lune per capir che se ero lì e i me ciamèa nugara del Dodese volea dir che a qualcossa servivo.
Forsi, però, `l so da `n do che `l vem `l me nome: adess ve conto.
Me ricordo che le prime face che gho visto le è stàe quele del Mario e del Riccardo.
L'era sul finir de l'inverno, e i camìnea 'nvanti e 'ndrio su col prà lì al de là del tovo dele Frate, ma no i sa gnanca acorti de mi, tanto ero picola.
Ma sicome el Riccardo l'era poco pù alto de mi e `l stea contando i passi verso `l tovo del Fondi, ....
Oto, nove, dese, ondese, dodese...
per en momento ne sem vardai e 'l ga dito: Dodese!! Deve eser stà lì che gh'è vignù for el no...

Leggi tutto l'articolo