LA RABBIA DI UN CITTADINO QUALUNQUE

Come molti di noi, assisto spesso ai “talk show” politici tipo Ballarò, AnnoZero, Omnibus, Agorà, L’Infedele, ecc.
e devo confessare che sono 2-3 ore di autentica sofferenza;  i vari giornalisti e politici si confrontano a forza di argomenti teorici, spesso incomprensibili e poco efficaci e a me salgono spontanee alla mente delle risposte così semplici e ovvie che è terribile non poterle esternare in quella sede.
Incominciamo con un luogo comune dei difensori della destra:  l’”ossessione Berlusconi” di cui accusano quasi sempre la parte avversa.
Ebbene, di chi si dovrebbe parlare? Di Renzo Bossi (che vale quanto il due di picche?) E’ chiaro che il soggetto principale delle discussioni è e deve essere l’uomo che ha in mano il destino del Paese, o no? Altro argomento caro alla destra: “la sinistra, non riuscendo a sconfiggere Berlusconi nelle urne, lo vuole sconfiggere per via giudiziaria” Qui il discorso si fa complicato; si parte da un dato di fatto e cioè che il Paese da 17 anni di potere di Berlusconi (anche all’opposizione riesce a fare il bello e cattivo tempo) è andato sempre peggiorando sia economicamente che socialmente; i problemi sono molti e gravi e pare che il governo – che è in sella per la maggior parte di questo periodo – non faccia niente per alleviarli; quindi è ormai chiaro che Berlusconi non è più in grado di sollevare le sorti del Paese e pertanto deve passare la mano cosa che non ha nessuna intenzione di fare.
Dopo la defezione di Fini la sua maggioranza si è notevolmente indebolita tanto che il 14 dicembre ha rischiato di cadere ma, per sua fortuna, gli è stato dato quasi un mese (dal 22 novembre al 13 dicembre) di tempo per organizzarsi ed è riuscito a rimediare due o tre parlamentari (Scilipoti, ecc.) che gli hanno permesso di restare a galla.
Poi ci ha preso gusto e ha continuato a “comprarsi” parlamentari per rinforzare la maggioranza ...!!! Si è addirittura parlato di quotazioni ufficiali che andavano da 350.000 a 500.000 Euro ….!!!  Una vergogna; ma in Italia tutto è permesso; e quindi ormai è saldamente al governo.
Se si riuscisse per un caso fortuito ad andare alle urne, probabilmente, rivincerebbe Berlusconi ma non per meriti di governo (non se ne vedrebbero) ma perché molte categorie di cittadini sono gratificati dalle sue promesse e dai suoi decreti  – qualche esempio  - : Le dichiarazioni contro i matrimoni e le adozioni gay, l’esenzione dall’I.C.I.
e ora dall’Imu dei beni ecclesiastici, l’ostacolo al testamento biologico [...]

Leggi tutto l'articolo