LA RAGAZZA DEL PARCHEGGIO

Racconto scritto su richiesta con precisa indicazione di voyeurismo.
 
La giornata è stata lunga, le ore di guida al camion si fanno sentire nonostante sia un modello di ultima generazione dotato di ogni comfort, tra i quali anche una confortevole cuccetta per riposare nelle soste. E non solo riposare. nelle soste programmate per il chilometraggio o nelle serate solitarie c'è spazio anche per un po' di compagnia. Occasionale certo ma non per questo meno piacevole.
Ma stasera niente. L'area di sosta è poco fuori dal centro abitato, una zona prettamente industriale e a quanto pare di scarso passaggio. Non ci sono neppure altri camion fermi, sarà una serata molto solitaria.
Un po' di lettura, un film… e il bisogno di dar sfogo a un momento di piacere solitario.
Intorno non si vede anima viva, ormai è quasi notte. Mi allungo sul sedile di guida e inizio a segarmi. Sono rilassato, chiudo gli occhi e mi godo il momento. La portiera del camion non è chiusa del tutto, la brezza serale è p...

Leggi tutto l'articolo