LA RAGAZZA DI CAMPAGNA

  Arrivata ai quarant'anni,BETTINA si rende improvvisamente conto di non avere mai realmente vissuto una vita "normale", di non essere mai uscita dal paese, e di non voler continuare a fare la contadina per il resto della sua vita.
Decide quindi di lasciare tutto e di tentare la fortuna, andando a fare la vigilessa a Milano.
Arrivata in città, non sapendo dove andare, chiede aiuto a sua cugina Manuelina, trasferitasi a Milano anni prima, che gli offre ospitalità e lavoro;BETTINA accetta, ma non sa che MANUELINA non fa la vigilessa è in realtà un'AUSILIARIA DELLA SOSTA che ha spaccato le palle a mezza citta'.BETTINA una mattina fa la sosta ad un auto parcheggiata dentro la fontana del Castello Sforzesco, il proprietario, un arabo alto mezzo metro con la fiatella che sa di kebab, nel tentativo di farsi levare la sosta invita BETTINA alla festa per la fine del ramadan.BETTINA affascinata da quel mondo accetta e tra i due nasce qualche cosa...
   

Leggi tutto l'articolo