LA RINASCITA DEL BASKET A NAPOLI, DI LORENZO A DIMENSIONEITALIA.NET: "SE CI SARANNO INIZIATIVE CONCRETE LE APPOGGERO'"

  tratto dal quotidiano "ROMA" Dopo la prima domenica senza basket di vertice, per la Napoli cestistica e i tanti appassionati azzurri, privati della squadra del cuore e della adrenalina da confronto agonistico, ora si inizia a parlare di futuro e rinascita.
Dopo l'esclusione dal campionato di serie B maschile, dell'Azzurro Napoli Basket, che comunque continua per ora l'attivita' giovanile, alcuni giocatori della squadra senior guidata sino a quindici giorni or sono da coach Di Lorenzo, hanno gia' trovato un nuovo team: il lungo Fall si e' accasato a Latina in A2, l'ala Villani a Torino in B, il play Sabbatino ancora in B e a Palestrina, mentre l'altro play Berti e' vicino all'accordo con Treviso, sempre in A2 e il pivot Serino ha firmato per Montegranaro ancora in B e la guardia Parrillo addirittura in serie A, con Reggio Emilia.
Qualcuno, intanto, gia' parla di una nuova ricrescita a livello agonistico e nazionale della pallacanestro cittadina, magari partendo anche dalla C o nuovamente dalla B, nella prossima stagione (come hanno fatto altrove, per esempio a Treviso, Livorno e Siena), con basi economiche solide e un piano pluriennale di risalita verso almeno la A2, da presentare alla Fip, che ha gia' manifestato la propria disponibilta', a patto che si rinasca con concretezza e spalle larghe, senza avventure: pare infatti, che ci siano in evoluzione alcuni progetti, con il coinvolgimento di imprenditori, per assicurare dopo anni di fallimenti e sparizioni (ben 6 negli ultimi 8) un futuro solido e pluriennale al secondo sport cittadino, che ha grandi tradizioni, ma e' stato ancora una volta mortificato, con una esclusione da un torneo nazionale.
Coach Di Lorenzo, intervenendo nello spazio basket dell'emittente radiofonica, DimensioneItalia.net (www.dimensioneitalia.net), si e' cosi' espresso: "Fa ancora male l'esclusione dal campionato della squadra, che ho guidato fino a qualche settimana fa: non nascondo che domenica scorsa mi e' mancato il parquet e non ho guardato neanche i risultati.
Ero e sono, ancora molto amareggiato, brucia troppo, quanto accaduto.
Ci hanno precluso un finale di stagione che poteva essere molto positivo.
Per il futuro, credo, che si possa ricostruire con basi solide e sento di progetti in cantiere e voglia di fare, Se ci saranno i presupposti e garanzie per riprendere con serieta', io sono pronto a fare la mia parte, e ad appoggiare una nuova solida ripartenza, che citta' e tifosi meritano decisamente."

Leggi tutto l'articolo