LAGO DI VARESE - PALUDE BRABBIA - BODIO LOMNAGO

(sito internet comunale: www.comune.bodio-lomnago.va.it)  Salendo verso Nord da Casale Litta, troviamo la località di Bodio Lomnago.
Superfìcie del territorio: 4,45 Kmq Altitudine: 273 m s.l.m.
Distanza da Varese: 9 Km Patrono: Santa Maria Nascente (8 settembre); San Giorgio (24 aprile) IL LIDO DI BODIO Formato dall'unione dei due centri di Bodio (in riva al lago) e Lomnago (in collina), si estende dalla sponda meridionale del Lago di Varese alle colline boscose dell'immediato retroterra.
Fu in passato centro importante della Val Bodia o Valle Bossa o Valbossa, da cui probabilmente prese o a cui diede nome.
Ancor oggi viene così definita la zona che comprende i comuni di Azzate, Bodio Lomnago, Buguggiate, Brunello, Daverio, Crosio della Valle, Galliate Lombardo, Inarzo e Cazzago Brabbia.
Risale al 1863 la scoperta di tre stazioni palafitticole in territorio di Bodio (Desor-Maresco, Bodio Centrale e Gaggio Keller), frequentate dall'uomo sicuramente dal Neolitico fino alla fine dell'età del Bronzo.
Dal 2011, la stazione palafitticola di Bodio Centrale o delle Monete (così detta perché in zona si ritrovarono oltre 300 monete romane), unitamente a quella dell'Isolino Virginia e del Sabbione, è iscritta nell'elenco dei Siti preistorici palafitticoli dell'arco alpino dell'UNESCO che comprende una selezione di 111 villaggi palafitticoli tra i 1000 conosciuti nei sei paesi attorno alle Alpi, quali la Svizzera, l'Austria, la Francia, la Germania, l'Italia e la Slovenia.
Nel 1982 ricerche archeologiche nella zona della cascina di Pizzo di Bodio hanno evidenziato l'esistenza di un ampio abitato preistorico compreso fra il monte Pizzo e il lago, a circa 70 mt dalla riva attuale e vasto all'incirca tremila metri quadrati.
È stata rinvenuta una casa, di forma rettangolare con pavimento in argilla circondata da acciotolato e semi di farro, a testimonianza di un'attività agricola.
Nell'area sud dell'abitato sono stati rinvenuti frammenti di ossa umane, probabilmente la sepoltura di un uomo adulto, vissuto fra il 5000 e il 4900 a.C.
che le acque del lago nel tempo hanno poco per volta asportato.
L'abitato e i resti dell'uomo più antico delle Prealpi Varesine.
In un documento del 1242 è citato il Castello de loco Bodio: di questo castello rimane solo la torre inglobata nella seicentesca villa Bossi posta sulle cima dell'altura collinare degradante verso il lago.
Nel 1538 venne costituito il Feudo della Val Bodia, comprendente Daverio, Galliate, Crosio, Gazzada, Buguggiate e Bodio, e dato in giurisdizione alla famiglia Bossi, che [...]

Leggi tutto l'articolo