LAVERTY NEGA LA DOPPIETTA A TOM SYKES

La gara conclusiva del Campionato del Mondo eni FIM Superbike al TT Circuit di Assen ha visto una battaglia serrata tra Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) e Eugene Laverty (Aprilia Racing Team), abili a prendere il largo già da i primi giri della corsa.
Dopo una lunghissima fase di studio sul filo dei millesimi di secondo, il pilota ufficiale Aprilia ha rotto il ghiaccio nel corso del 19° giro, infilandosi all'interno del rivale alla curva 6 dopo averlo affiancato sul rettilineo.
Il tentativo di fuga dell'irlandese è stato vanificato da Sykes, che ha fatto un ultimo tentativo alla staccata finale cercando - senza successo - di spuntarla al photofinish.
Per Laverty si tratta della quinta vittoria in carriera, la seconda in stagione dopo il successo di gara 2 a Phillip Island.
Loris Baz (Kawasaki Racing Team) ha difeso a denti stretti la terza posizione fino alla bandiera a scacchi da un coriaceo Jonathan Rea, che mette una pezza sul difficile round di casa per il Pata Honda World Superbike Team.
Gara sottotono per Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet) e Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team), rispettivamente quinto e sesto al traguardo.
Grande prestazione per Leon Camier (FIXI Crescent Suzuki), settimo nonostante il ginocchio ancora infortunati, in una gara che ha visto il compagno di squadra Jules Cluzel vittima di un problema tecnico al sedicesimo giro.
Soltanto ottavo Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet), autore di una partenza fulminea ma in difficoltà con il procedere della corsa.
La top-ten di gara è stata completata da Michel Fabrizio (Red Devils Roma Aprilia) e Carlos Checa (Team Ducati Alstare), mai apparsi questo weekend nelle condizioni di lottare con i primi.
Sfortunata uscita di scena per Davide Giugliano (Althea Racing Aprilia), scivolato alla curva 2 nel corso del sesto passaggio mentre era in terza posizione, con tanto di moto in fiamme nella via di fuga.

Leggi tutto l'articolo