LAVORO. Dopo la firma dei metalmeccanici Cisal: «Ci hanno esclusi dal nuovo contratto»

LAVORO.
Dopo la firma dei metalmeccanici Cisal: «Ci hanno esclusi dal nuovo contratto» Firmato il contratto dei metalmeccanici è l'ora delle polemiche e delle puntualizzazioni.
È la Failms-Cisal a voler intervenire alla vigilia delle assemblee che da oggi si svolgeranno nelle fabbriche «Si tratta di un rinnovo contrattuale promosso a pieni voti solo da alcune organizazioni sindacali FimCisl e Uilm - spiega Mirko Maule della Cisal - ed avversato completamente da altre come Cub e Fiom.
La Failms Cisal del Veneto intende spiegare tramite assemblee sindacali nelle varie aziende le novità contrattuali, sia gli aspetti negativi che quelli positivi, con obbiettività e senza preconcetti.
Le dispute “di bottega" tra le sigle sindacali della triplice sono a nostro avviso lesive per i lavoratori ed innutili, si dovrebbe pensare più ai lavoratori che alla notorietà della propria parte sindacale, serve più unità e meno protagonismo.
Va detto che Fim e Uilm non ci hanno voluto nonostante la Failms Cisal da sempre firma il contratto, forse i fondi sanitari sono un busines troppo importante da dividere?».
E da oggi tocca alle assemblee per discutere dei temi salienti firmati appunto dalla Fim e dalla Uilm: le maggiorazioni notturne + 5 % e + 10% sul turno dalle 22 alle 6, la rivalutazione delle indennita` di trasferta e di reperibilita` (+ 7%), fino all'elemento perequativo che passa a 485 euro.
Le aggiorazioni per il turno notturno: vengono innalzate, dal primo giugno 2013, al 20%, e quelle per il 3° turno (dalle 22 alle 6) vengono portate al 25%.
E ancora le maggiorazioni retributive straordinario e plurisettimanale.
Infine i permessi retribuiti (par): viene ampliata la possibilità di utilizzo individuale dei permessi.
I “par” a gestione individuale del lavoratore salgono a 8, quelli a gestione collettiva scendono a 5.
Il Giornale di Vicenza mercoledi 12 dicembre 2012 Cronaca pag.
16

Leggi tutto l'articolo