LE ELEZIONI POLITICHE ITALIANE: ASPETTANDO GODOT NEL DESERTO DEI TARTARI

I giornalisti ed i vari commentatori dell'ultima consultazione elettorale sono tutti concordi nell'affermare che il suo risultato rappresenta una svolta nella politica italiana e l'avvento della terza repubblica, come qualcuno, riportando le parole di Di Maio, si é affrettato a definirne l'esito.
Sarà perché non sono uso a facili entusiasmi o perché gli anni mi hanno insegnato ad essere più cauto nei giudizi, ma a me il risultato delle votazioni fornito dal "Rosatellum" fa venire alla memoria la famosa opera teatrale di Samuel Beckett "En attendant Godot" in cui i due conclamati vincitori della contesa politica impersonano le parti dei vagabondi Vladimiro ed Estragone e possono  intravvedersi anche le parti del proprietario terriero Pozzo e del servo Lucky.
Certo per il momento si é solo alla fine della prima giornata quando il messaggero di Godot si presenta per scusarlo di non esser potuto venire ed annunciarne la sua presenza per il giorno successivo nel medesimo luogo.

Al mom...

Leggi tutto l'articolo