LE NON RISPOSTE DI CONTE Nella lettera alla Ue non ci sono cifre e su tutto regna una grossa confusione.

LE NON RISPOSTE DI CONTE E IL FUTURO CHE VERRÀ
Nella lettera di Conte alla Commissione UE, nell’ambito della procedura di infrazione per Debito pubblico eccessivo, a parte le (numerose e auliche) affermazioni autoassolventi e lo spostar la palla su (improbabili quanto discutibili) cambi di regole, di risposte “concrete” non v’è (alcuna) traccia.
Se poi si lega il testo (qui la versione integrale: http://www.governo.it/it/articolo/lettera-alleuropa/12273) con l’intervento di ieri del Senatore Bagnai  (qui il link https://www.youtube.com/watch?v=LDNwwoChT4Y&feature=youtu.be), sovviene anche all’osservatore più disattento la dimostrazione plastica dell’influenza (negativa) sul Governo (con buona pace delle resistenze di Tria) della linea di pensiero di quest’ultimo, che, oltre alle solite “manipolazioni dialettiche” sulle cause della situazione attuale, auspica “passaggi preventivi segreti” (secretati, ai sensi dell’art.31 del regolamento del Senato) nelle competenti Commissioni Parla...

Leggi tutto l'articolo