LE NOTTI DELLE STELLE

Si racconta che da stanotte inizia nella volta celeste lo spettacolo delle stelle.
Lacrime o stelle cadenti che siano, da stanotte si potranno ammirare in cielo.
Il "cielo" è stato da sempre un palcoscenico amato da tanti; letterati, pittori, filosofi, scienziati e altri si sono da sempre prodigati ad ammirarlo e studiarlo.
Sono nate così svariate espressioni della volta celeste.
Anch'io nel mio piccolo ho provato a interpretare il "cielo".
Il mio impegno in tal senso, risulta ancor più piccolo di un granello di sabbia, perché esiste veramente tanta materia che narra del cielo.
La notte poi c'è "magia", il cielo si presenta agli occhi di ognuno, in maniera spettacolare.
Ricordo di un'astrofisica italiana, Fiorella Terenzi che ha provato a rivelare il canto d'amore dell'universo.
C'è anche Margherita Hack esperta in Astronomia, che ha raccontato tantissime cose sulla notte stellata.
Non finirebbe neanche qui l'elenco di personaggi che hanno raccontato e studiato il cielo.
Per chi vive nel Torinese, c'è la possibilità di andare a INFINI.TO  il planetario situato nella collina sopra Torino, un organizzato Osservatorio di Astrofisica.
Credo che in questi giorni, organizzeranno eventi a tema, riguardanti la notte delle stelle.
Credo serva guardare in alto (in verticale), piuttosto che in orizzontale.
La vita è anche vero che a volte è a forma di "croce" (orizzontale e verticale), occorre qualche volta prendere coscienza e visione dei due particolari aspetti.
Desideri e sogni, scrutando il cielo, si realizzeranno per davvero? Chi può dirlo, veramente! Ognuno può fare come crede.
Fatalisti o meno, credo che tutti abbiamo dato almeno una volta nella vita, uno sguardo verso il cielo; credere nei sogni può aiutare, anche quando questi non si realizzeranno per niente.
 

Leggi tutto l'articolo