LESSINIA LEGEND - Testa e Cuore

Non ci sono volute solo le gambe ieri per avere ragione dei 4500 metri di dislivello racchiusi nei 125 km del tracciato di Lessinia Legend.
La  Testa e il Cuore sono il motore che mi hanno spinto a chiudere anche questa 18esima edizione pur sapendo dall’inizio che questo tracciato sarebbe stato il più duro di sempre.
Dopo un anno di stop la gara ritorna e ritorna in grande stile, partenza da Bosco Chiesa Nuova, non si poteva scegliere location migliore, tracciato ben segnalato presidiato al meglio e con tanti ristorni utili per chiudere al meglio questa gara anche senza una assistenza al seguito; parlando di ristori ringrazio tutti i volontari che erano seminati lungo questi punti che non esitavano a riempirti la borraccia finche tu ti ristoravi al meglio.
La mia gara parte forse anche troppo veloce ma sono convinto che quello che più strada ti lasci alle spalle prima e meno te ne trovi dopo….
; ecco quando sono stato raggiunto attorno al km 28 da Fiume e Scarsetto forse ho temuto di essere partito decisamente troppo forte….
LA PARTE DEL TRACCIATO A EST Forse il tratto più duro per il caldo e perché la salita era in certi punti molto dura, stupenda la nuova forestale ed il single track che termina a Badia San MAURO E SELLA Da San Mauro fino all’arrivo i tratti di bosco e single track che si incontrano alleviano la fatica con la loro bellezza, ecco salire alla fine dal fondo valle dallo Squarantello e poi la Val Marisa la fatica si è sentita e non poco.
MARIA CRISTINA NISI E’ la prima delle donne la mia gara è ad elastico con lei, la stacco in discesa ma poi ritorna sotto su ogni salita, quando in sullo Squarantello gli dico che è l’ultima salita parte come un missile e mi lascia circa 7 minuti dietro … brava brava ….
Altri dettagli della gara al momento non li ricordo … A VOI Ecco il commento lasciato su Facebook: Mi unisco anche io al raggiante commento di mio fratello, c'è voluta testa è cuore per portare a casa questa ennesima sfida extreme ma una grosso mano c'è la data il percorso e lo staff dei volontari che ad ogni ristoro erano pronti a riempirti la borraccia finchè tu ti ristoravi ...
Un tracciato stupendo ricco di single track per me anche nuovi o riscoperti dopo anni , ben segnalato e ben presidiato (forse solo il tratto in zona San Mauro Selle aveva bisogno di qualche freccia in più più che altro per i non conoscitori del territorio, a volte si trova un lungo tratto senza bivi e giustamente non si mettono frecce ma il foresto non lo sa che i bivi non ci sono) La mia gara è [...]

Leggi tutto l'articolo