LO SCENARIO PIÙ PROBABILE, UNA LISTA PER MONTI ED ALFANO CANDIDATO PREMIER CON L'APPOGGIO DELLA LEGA

LO SCENARIO PIÙ PROBABILE, UNA LISTA PER MONTI ED ALFANO CANDIDATO PREMIER CON L'APPOGGIO DELLA LEGA  (69)  (0)     Sono giorni convulsi per capire quali saranno gli schieramenti che si confronteranno tra poco piu' di due mesi alle elezioni.
La posta in palio e' alta, e l'Italia e' al centro dell'attenzione internazionale.
Sicuramente Bersani si presentera', alleato con Vendola, e tutti i sondaggi lo danno largamente vincente alla Camera con l'incognita Senato.
Si attendono le decisioni di Monti, che probabilmente, sta aspettando la consueta conferenza stampa di fine d'anno per annunciarle.
Impegno diretto od appoggio ad una lista che faccia a lui riferimento? Sembra piu' verosimile che ci sia una lista per Monti, piuttosto che una lista Monti.
Ideatori e sostenitori, Montezemolo e Riccardi, che propongono un'alleanza con l'Udc, e con Fini, che Casini ribadisce di non volere scaricare dopo che con la sua uscita dal Pdl ha segnato il destino di Berlusconi.
Berlusconi che si e' incontrato con Maroni, che gli ha detto chiaro e tondo che un'allenza e' possibile solo con Alfano candidato premier.
E questa potrebbe alla fine essere la scelta del centrodestra (con il passo indietro del Cav)  che in questo modo non si precluderebbe un'alleanza con Monti, ma dopo le elezioni.
Bersani mostra ottimismo: "Mario? Non lo temo".
Ma la realta' e' un'altra: Monti e' l'unico che potrebbe sbarrare la strada di palazzo Chigi al leader del Pd.
Naturalmente dopo le elezioni i giochi politici si intrecceranno tra la scelta del futuro premier e quella del successore di Napolitano.
La cosa piu' scontata sembrerebbe Bersani al governo, Monti al Quirinale.
Ma la politica e' ricca di sorprese e due mesi, che in assoluto sono pochi, diventano tanti in un periodo di grandi fibrillazioni.
Gia' entro fine anno si dovrebbe perlomeno chiarire in modo definitivo quali saranno gli schierammeti in campo e come si disporranno ai nastri di partenza.

Leggi tutto l'articolo