LO SCRITTORE È PRESENTE 92 – 2 aprile 2019

5 MINUTI   Il presidente lo attendeva alle 16 nella sua stanza.
Non lo aveva mai incontrato di persona.
Non doveva fallire l’occasione.
Era emozionatissimo.
Ancora 5 minuti, aveva il tempo di sentire Carla, per condividere al volo il momento: occupato.
Si diresse all’ultimo piano, senza spegnere il cellulare (era obbligatorio lasciarlo sempre in funzione).
Appena venne convocato nell’enorme stanza presidenziale, naturalmente squillò il telefono.
“Amore, ora non posso!” “MA SE MI HAI CHIAMATO TU POCO FA!” “Prima potevo,….ma ora…scusa….” Il presidente lo guardava fulminandolo.
“QUANDO TI CHIAMO IO NON HAI MAI TEMPO, STRONZO!” Le urla si sentivano.
Lui fallì l’occasione…

Leggi tutto l'articolo