LOCKE

Venerdì 21 novembre 2014   Usa, Gran Bretagna  2013, 85' Genere: Drammatico Regia di: Steven Knight Cast principale: Tom Hardy, Ruth Wilson (voce), Andrew Scott (voce), Ben Daniels (voce), Tom Holland (voce) Tematiche: responsabilità, famiglia, colpa, tradimento.
Un uomo in un’auto, per un viaggio nella notte.
Verso una decisione piena di conseguenze e un futuro incerto.
  Ivan Locke sta andando di corsa a Londra: esperto capocantiere, deve abbandonare il lavoro più importante che gli sia passato tra le mani, un’ingente colata di cemento (operazione record a livello europeo) per un palazzo in costruzione; operazione che, all’alba, richiederebbe la sua presenza e la sua responsabilità.
E invece deve lasciare tutto nelle mani di un collaboratore (di cui nemmeno si fida troppo), perché è richiesta la sua presenza anche altrove.
Da Bethan, una donna praticamente sconosciuta che per sventatezza ha reso madre: e quel figlio che sta per nascere, non voluto, lo costringe a fare i conti con se stesso e con tutta la sua vita.
La sua scelta, di esserci comunque pur non provando nulla per quella donna, fa crollare durante il viaggio tutti i capisaldi della sua vita di uomo “normale”, onesto, affidabile: dal lavoro (viene licenziato dal suo capo per l’abbandono del cantiere; ma lui continua a dare istruzioni al suo sottoposto, perché ci tiene che il lavoro sia ben fatto) alla famiglia.
Perché quando dovrà dire alla moglie Katrina dove sta andando e perché, non sarà certo una cosa indolore… E cosa capiranno i figli? Un solo attore in scena per 85’, per una storia che prende lo spettatore man mano e con il passare dei minuti si fa sempre più tesa e avvincente.
È a suo modo un thriller questo piccolo grande film inglese girato in pochi giorni, in cui vediamo il protagonista parlare in continuazione al telefono: c’è da tranquillizzare la partoriente, il figlio maggiore che pian piano scopre che in serata il padre non verrà a vedere a casa la partita in tv e non capisce cosa succede, lo stesso collaboratore sempre più agitato per un lavoro per cui si sente inadeguato… Fino alla telefonata più difficile, quella che vorrebbe evitare.
E intanto Ivan Locke riflette, sulla sua vita che rischia di finire a pezzi.
Vicenda raccontata in tempo reale, capace di rendere l’angoscia della situazione che vive il protagonista e l’urgenza morale delle scelte da prendere, Locke lascia a bocca aperta per l’uso sapiente delle parole (lo script è dello stesso regista Steven Knight, già sceneggiatore per Stephen [...]

Leggi tutto l'articolo