LUIGI IORIO (FGS) Scrive a PierluigiI Bersani

Caro Bersani, abbiamo assistito con interesse alla Convenzione Democratica svoltasi nella giornata di ieri a Roma.
In particolare abbiamo molto apprezzato l’attenzione che hai posto nel tuo intervento al tema delle riforme, dell’università e dei diritti civili.
Come Giovani Socialisti non possiamo che essere d’accordo quando affermi che i Ministri Gelmini e Tremonti stanno portando a termine un operazione che, nel tempo, ci condurrà alla riduzione dell’offerta formativa e dell’occupazione.
A nostro avviso l’università e la ricerca dovranno essere messi al centro dell’agenda politica dei prossimi mesi, perchè la formazione è la sola risorsa a cui si deve guardare, al fine di uscire dall’ empasse della crisi e favorire la mobilità sociale del nostro Paese.
L’Italia deve puntare sui suoi giovani, mobilitando le migliori competenze, offrendo alle nuove generazioni un Paese più moderno e che abbia la volontà di investire su di loro e che fermi l’emorragia della fuga di cervelli all’estero.
Come riformisti nel corso degli anni siamo stati impegnati in numerose campagne sui diritti civili riguardanti il rispetto dei diritti della donna, l’omofobia ed il razzismo.
Per queste ragioni non possiamo che trovarci concordi quando affermi che dovremo fare leva sugli umanesimi forti che stanno nelle nostre radici e che ci consegnano l’idea di un uomo mai separabile dalla sua dignità e dalla sua libertà.
Come te non crediamo al Partito di un uomo solo che, anche in tempi recenti, ha portato alla distruzione della sinistra italiana ma all’unione di tutte le forze che si richiamano ai valori sociali, civici, laici e liberali per risollevare il Paese vessato dalla sciagurata politica del centro destra.
In questo odierno quadro politico la tua proposta di riaprire il cantiere dell’Ulivo è sicuramente la strada giusta da intraprendere.
Il giorno seguente la tua elezione sarà auspicabile dunque iniziare subito a costruire insieme a tutti i riformisti, i movimenti politici e le associazioni un nuovo schema politico che possa dare al Paese una nuova stagione di riforme ed una classe dirigente più qualificata e meno gerontocratica.
Il nostro Partito, il Partito Socialista Italiano, e noi tutti siamo impegnati in un progetto ambizioso: rendere il cartello elettorale Sinistra e Libertà un progetto politico.
Ma la nostra autonomia politica di Giovani, e Socialisti, ci impone di prendere in considerazione la sua proposta volta alla costruzione di un nuovo Ulivo, che non dovrà scaturire come mera opportunità [...]

Leggi tutto l'articolo