La Cassazione scivola sulla non autonomia del danno esistenziale

La Cassazione scivola sulla non autonomia del danno esistenziale
 
Cass. sez. III civ., 20 aprile 2007, n. 9514 – Pres. Finocchiaro – Rel. Segreto - P.M. Schiavon (parz. conf.) – Ricorrente  F. M.
 
Danno biologico e danno esistenziale – Il danno estenziale non è autonomo ma è componente del danno biologico ed è finalizzato a consentire la personalizzazione del danno biologico in riferimento  alle modificazioni della vita di relazione.
 
In presenza di una lesione dell’integrità psicofisica della persona, il danno alla vita di relazione (come il danno estetico o la riduzione della capacità lavorativa generica) costituisce una componente del danno biologico perché si risolve nell’impossibilità o nella difficoltà di reintegrarsi nei rapporti sociali per gli effetti di tale lesione e di mantenerli a un livello normale, cosicché anche quest’ultimo non è suscettibile di autonoma valutazione rispetto al danno biologico, ancorché costituisca un fattore di cui il giudice deve tenere conto per ...

Leggi tutto l'articolo