La Chiesa "Gesù Risorto"

Benvenuti nel nostro Blog, dedicato alle attività religiose e celebrative della Cappella del cimitero del Comune di Cosenza:           nel Blog, troverete tutte le info e le notizie relative alla programmazione di tutti gli eventi pubblici, che verranno allestiti dall'amministrazione comunale di Cosenza, presso il Sito cimiteriale cittadino.
    La Chiesa Gesù Risorto del Cimitero Comunale di Cosenza ____________________________________________________________________________________________________________________     Saranno, inoltre recensite tutte le Manifestazioni religiose e il calendario degli appuntamenti celebrativi dell'intero anno, relative agli orari e alle omelie settimanali, della domenica della Chiesa "Gesù Risorto".
  "Il Cristo è risorto, e ha vinto la morte"   SECONDO LE SCRITTURE.
LA FEDE NELLA RISURREZIONE DAI MORTI Luca Mazzinghi Il Vangelo di Matteo parla più di una volta di risurrezione[1], e non solo a proposito di quella di Gesù.
Nello stile di questa rubrica, che con questo numero volge al suo termine, ci proponiamo qui di scoprire in che misura gli annunci di Matteo relativi alla risurrezione siano ben radicati nelle Scritture d’Israele, che Matteo rilegge nell’ottica della fede in Gesù Cristo.
Scegliamo volutamente due passi del primo Vangelo nei quali non si parla della risurrezione di Cristo, ma piuttosto di quella dei credenti.
«Molti corpi di santi morti risuscitarono» (Mt 27,52): Matteo ed Ezechiele Prendiamo le mosse da un passo che Matteo inserisce all’interno del racconto della passione.
Subito dopo la morte di Gesù, l’evangelista ricorda che «i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono.
E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti» (Mt 27,52-53).
I commentatori hanno da tempo notato come questo testo, pur inserito in un contesto dal sapore apocalittico, si ricolleghi prima di tutto al celebre passo di Ez 37,1-14, la profezia sulle ossa aride che, per opera dello Spirito di Dio, riprendono vita.
In questo passo profetico, infatti, l’annuncio delle ossa che rivivono è preceduto, proprio come avviene in Mt 27,51, dalla menzione di un terremoto (cf.
Ez 37,7).
Il cuore della profezia sta nell’annunzio solenne che Ezechiele pone in bocca a Dio stesso: «Ecco io apro i vostri sepolcri e vi resuscito dalle vostre tombe e vi riconduco nel paese di Israele».
Nel contesto del libro di Ezechiele un tale annuncio di risurrezione va in realtà riferito alla situazione del popolo [...]

Leggi tutto l'articolo