La Fanzine dei Giovani...

Cosa resterà di "quegli" anni 80...?
un artwork di katya madio
(1) Tutto nasce dal “Tempo delle mele”, film evento del 1980: Sophie Marceau inforcava le sue cuffiette e si isolava dal mondo in un lento mozzafiato con Mathieu, suo primo amore. Oggetto bramato era per tutti il walkman con le sue mitiche cuffiette; per tutti ma non per me che ho dovuto arrancare per anni, con una piccola scassata radiolina i cui requisiti standard erano un’antenna ancorata a stento e tre stazioni radio!!!


(2) Segno distintivo: autoradio sotto il braccio! Un po’ come il vecchio borsello maschile solo che l’aggeggio è molto più ingombrante e pesante. Tuttavia fa decisamente status. Difetto largamente diffuso, a volte lo si dimenticava un po’ ovunque: difficile ricordare dove…facile lo sgomento!!!
(3) Eccolo lì…abbandonato per sempre, in un angolo, il vecchio salvadanaio di terracotta. Quello che per farti accedere al “tuo conto” aveva bisogno di una bella botta a “martello battente”; avveniva così che spesso e volentieri ci rinunciavi anche perché il prelievo era meno del valore del salvadanaio da rifare. Anni ’80: arriva ‘a tecnologije, strani ingranaggi e design mozzafiato (volendo esagerando un po’) dove, era risaputo, meglio giocare con le mitiche vecchie lire che prelevarle :-).
(4) Maggio 2008. Sono uscita. Cinese forever. Ritrovo in un angolo il mitico gioco degli anni ’80: Magic Cube (da noi “ottantottini” meglio conosciuto come il Cubo Magico) o Kubric’s Cube (Cubo di Kubric). L’ho guardato per ore: perfetto, ogni colore al posto giusto, ogni facciata impeccabile…ma la tentazione è stata forte: smontare, rimontare…ma adesso tutto scombinato come lo rimetto a posto???
(5) Ottobre 2008. Chitarra.

Leggi tutto l'articolo