La Leopolda tutto e partito da li ballare da soli indispensabile per le idee del fare.

Italia viva è partita e, con lei, la raffica di critiche e avvertimenti. Eppure questo epilogo era prevedibile, e anziché criticare forse sarebbe più utile cercare di capire.
L’incomprensibile stupore
Fra le tante reazioni che leggo e ascolto da quando Matteo Renzi ha finalmente annunciato la formazione di un nuovo partito, forse quella che capisco meno è lo stupore.
Uno stupore che si palesa non solo fra chi resta nel PD e tra i tanti che, per diversi e forse legittimi motivi, Renzi non l’hanno mai amato, ma anche fra alcuni degli abituali frequentatori della Leopolda e dei suoi (ex) sostenitori.
Eppure, questa iniziativa (che non voglio chiamare scissione, perché sono convinta che non sarà solo questo) era nell’aria da tempo, per quanto a volte tatticamente negata.
E d’altronde chi mai, appartenendo a un partito, annuncerebbe in anticipo di volersene andare? È verità di senso comune che chi minaccia di andarsene è meno credibile di chi, dopo tanti tentativi di conciliazione, a...

Leggi tutto l'articolo