La Lettera

Caro direttore, complimenti per l'iniziativa di questo giornale online che leggo con sempre maggiore interesse; bravo perchè hai fornito uno strumento utile per far crescere i cittadini e creare comunicazione.
Leggo con piacere i due giovanissimi, gli studenti Dimitri e Sara, speriamo altri se ne aggiungano.
Quello che vorrei dirti oggi riguarda la famigerata determina di cui sento per la prima volta da una lettera che mi è stata inviata per posta ordinaria dall'ufficio suolo pubblico in data che non si riesce a stabilire, visto che ve ne sono addirittura tre.  La lettera è un capolavoro, non ho un mezzo per mandarti copia ma tu certamente sei al corrente della storia e puoi averne una. Lo scandalo non è tanto l'aumento della tariffa spropositato ma la maniera in cui sono stati trattati i commercianti  e il modo arraffazzonato in cui si continua a gestire questa vicenda e altre che riguardano l'utenza e i pagatori di servizi.
Il suolo pubblico in concessione si paga entro il 31 gennaio,  la determina (che non si può recuperare nel sito del comune) è del 31 maggio, l'avviso di adeguamento è stato inviato il 3 o 15 o 17 settembre e mi è giunto a inizio di ottobre, tempo probabilmente scaduto per ricorsi o altro.
Questa sequenza di date ti pare un fatto normale? Obbligo per noi di dimostrare i pagamenti effettuati tramite la San Giorgio che non solo è sparita con la cassa ma non ha neanche consegnato al comune i bollettini dei pagamenti puntualmente ricevuti dai fessi come me.  Chi ha indicato il nome di questi signori quando cominciarono l'attività? Ci fu una gara? Visto che i comuni sono in difficoltà anche per il mancato gettito dell'ICI non era meglio invitare i commercianti per illustrare i problemi  e - poichè pagare si deve - cercare insieme di migliorare i servizi resi ai turisti per avere un ritorno di quanto si è speso? Insomma, vado all'ufficio, la titolare dello studio ammalata e in ferie è assente, una collega per grazia di Dio mi fa le copie e gentilmente mi dice di rifarmi viva o che loro mi faranno sapere.
Il dirigente Nico Russo a cui volevo richiedere qualche chiarimento sulla cosa ha il telefono ingolfato di chiamate e per non essere invadente dopo mezz'ora di attesa che il suo portatile si raffreddasse, me ne vado.
Oggi mi telefonano e mi dicono che devo andare ancora per calcolare l'adeguamento.
Ho risposto che erano loro a dover fare il calcolo (io non posseggo strumenti), riferirmelo per iscritto e io avrei provveduto al pagamento o al ricorso.
Qui sento che forse i tempi del [...]

Leggi tutto l'articolo