La Psicologia di Facebook

Comincio subito col chiarire che il nome del sito si riferisce agli annuari (facebook) che raccolgono le foto di ogni singolo membro che alcuni college e scuole preparatorie statunitensi usualmente pubblicano all’inizio dell’anno accademico e distribuiscono ai nuovi studenti ed al personale della facoltà come mezzo per conoscere le persone del campus.
Dunque, il suo fine dichiarato, è quello di favorire la reciproca conoscenza.La spinta transferale è evidente nella comunicazione in Facebook: se si osservano attentamente le iniziali interazioni, soprattutto tra “nuovi” amici, appare evidente fin dall’inizio una familiarità che non sarebbe mai possibile in una interazione reale: i due attori della relazione senza avvedersene, facendo leva su alcuni aspetti percettivi, anche subliminali, una foto, un modo lessicale di esprimersi, un luogo di residenza, la professione svolta, etc, proiettano massicciamente sull’altro precedenti frammenti di esperienza.
La cosa interessante è c...

Leggi tutto l'articolo