La Quaresima è un tempo per “aggiustare la vita”, “per avvicinarsi al Signore”.

La Quaresima è un tempo per “aggiustare la vita”, “per avvicinarsi al Signore”.
E’ quanto sottolineato da Papa Francesco nella Messa di stamani a Casa Santa Marta.
Il Papa ha messo in guardia dal sentirsi “migliori degli altri”.
Gli ipocriti, ha avvertito, “si truccano da buoni” e non comprendono che “nessuno è giusto da se stesso”, tutti “abbiamo bisogno di essere giustificati”.
Il servizio di Alessandro Gisotti:  Conversione.
Papa Francesco ha iniziato la sua omelia sottolineando che questa è la parola chiave della Quaresima, tempo propizio “per avvicinarci” a Gesù.
E commentando la prima Lettura, tratta dal Libro di Isaia, ha osservato che il Signore chiama alla conversione due “città peccatrici” come Sodoma e Gomorra.
Questo, ha affermato, evidenzia che tutti “abbiamo bisogno di cambiare la vita”, di guardare “bene nella nostra anima” dove sempre troveremo qualcosa.
La Quaresima dunque, ha soggiunto, è proprio questo “aggiustare la vita”, avvicinandosi al Signore.
Lui, ha detto, “ci vuole vicini” e ci assicura che “ci aspetta per perdonarci”.
Tuttavia, ha ammonito, il Signore vuole “un avvicinamento sincero” e ci mette in guardia dall’essere ipocriti: “Cosa fanno gli ipocriti? Si truccano, si truccano da buoni: fanno faccia di immaginetta, pregano guardando al cielo, facendosi vedere, si sentono più giusti degli altri, disprezzano gli altri.
‘Mah - dicono - io sono molto cattolico, perché mio zio è stato un grande benefattore, la mia famiglia è questa e io sono...
ho imparato...
conosciuto il vescovo tale, il cardinale tale, il padre tale...
Io sono...’.
Si sentono migliori degli altri.
Questa è l’ipocrisia.
Il Signore dice: ‘No, quello no’.
Nessuno è giusto da se stesso.
Tutti abbiamo bisogno di essere giustificati.
E l’unico che ci giustifica è Gesù Cristo”.
Per questo, ha soggiunto, dobbiamo avvicinarci al Signore: “Per non essere cristiani truccati, che quando passa questa apparenza, si vede la realtà che non sono cristiani”.
Qual è, allora, “la pietra di paragone per cui noi non siamo ipocriti e ci avviciniamo al Signore?” La risposta, ha sottolineato il Papa, ce la dà il Signore stesso nella prima Lettura quando dice: “Lavatevi, purificatevi, allontanate dai miei occhi il male delle vostre azioni, cessate di fare il male, imparate a fare il bene”.
Questo è l’invito.
Ma, si chiede Francesco, “qual è il segno che andiamo su una buona strada?”: “‘Soccorrete l’oppresso, rendete giustizia [...]

Leggi tutto l'articolo