La Rua - "La Rua" (Universal, 2015).

«Dicono di me che sono: un bastardo, bugiardo e lo fanno senza un perché/ Dicono di me che sono: una strega, drogata e truccata e piena di se/ dicono di me che sono una stupida frase da dire davanti a un caffè/ E invece no, oh, nessuno sa/ E invece no, oh, nessuno sa/ Che avrei soltanto l'amore, per lei/ Per lei che ha il nome di un fiore, per lei, per lei» - CESARE CREMONINI

Conti alla mano (mani in tasca!) l'ep di debutto dei La Rua è un disco intrigante, un buon seguito e lascito pop per chi ci ha già seguiti su La Fanzine con "Sotto Effetto di Felicità" (Universal, 2016)... 28 minutes full-lenght album country, fa da edutainment musicale a tutti quelli che rivivono il romanzo della loro storia scolastica e non, nelle piccole-medie-grandi cartoline della propria storia. Vestiti in maniera rurale, Daniele Incicco, William D’Angelo e gli altri suonano strumenti (come tamburo, chitarre, pianoforte, fisarmonica, glockenspiel, batterie, fx, banjo,  contrabbasso, basso) innamorati dell...

Leggi tutto l'articolo