La Tarentella, la danza del piccolo rango

La danza del piccolo ragno
“Santu Paulu meu di Galatina, facitene la grazia stamattina, Santu Paulu meu di li tarante, facitene la grazia a tutte quante” Ho letto per la prima volta questa invocazione a San Paolo ne “La terra del rimorso” di Ernesto De Martino, lettura grazie alla quale è nato il mio interesse per il “tarantismo”. In questo studio l’etnologo napoletano analizzava il fenomeno, complesso nella sua natura storica culturale e religiosa, basandosi sulle analisi ed i dati raccolti durante la sua ricerca sul campo nel 1959.
Il “tarantismo”, noto anche come “rito della tarantola”, era una terapia basata sulla musica e la danza diffusa nella Penisola Salentina, terapia che aveva lo scopo di allontanare la “taranta” dalla persona da curare. Nella letteratura popolare la taranta era un ragno multicolore che nei mesi estivi pizzicava soprattutto le donne provocando uno stato di malessere generale (dolori addominali, stato di catalessi, sudorazioni, palpitazioni ) .
Per far “cre...

Leggi tutto l'articolo