La beffarda mini rivalutazione delle pensioni. Una pressa per il culo alle persone che tiene in piedi l'ITALIA con l'aiuto di pochi altri che pagano le tasse.

Nella manovra 2020 previsto un aumento di 3 euro l'anno (25 centesimi al mese) per 2,8 milioni di persone con redditi tra i 1.522 e i 2.029 euro lordi. I sindacati parlano di «elemosina» e confermano la manifestazione di sabato 16 novembre.
Tecnicamente è un aumento, in sostanza un’elemosina. E i sindacati non l’hanno presa bene. Per i pensionati è arrivata la beffa di una mini rivalutazione per i redditi tra i 1.522 e i 2.029 euro lordi al mese che muove cifre risibili.
RECUPERO DELL’INFLAZIONE DAL 97% AL 100%
Nella manovra di bilancio 2020 pronta ad approdare in parlamento si prevede il recupero dell’inflazione piena per i trattamenti tra le tre e le quattro volte il trattamento minimo che nel 2019 percepivano il 97% dell’inflazione. Nel 2020 quindi si recupera il 100% dell’aumento dei prezzi a fronte del 97%: il problema è che questo passaggio equivale ad appena tre euro l’anno in più (25 centesimi al mese) per 2,8 milioni di pensionati, mentre nulla cambia per quelli che hanno a...

Leggi tutto l'articolo