La biologa - prima parte

Appetiti insaziabili
Ho conosciuto la biologa nel 2001.
Ai tempi si era presentata scontandosi qualche anno e con una sessualità, a dir poco, prorompente. Si intratteneva con me e con molte altre, la cosa non mi ha mai interessato più di tanto, dato che per me la fedeltà ha un valore relativo.
Credo che la cosa più eclatante che abbiamo fatto, durante la nostra prima frequentazione, è stata quella di scopare nella chiesetta sconsacrata di San Sebastiano, lei, in quell'occasione, aveva definito le sue 'chiappe' divine dopo averle appoggiate nude sull'altare; i successivi incontri si son tramutati ben presto in azioni noiose e ripetitive.
Ci siamo perse di vista per qualche anno per poi ritrovarci con foga sulla scrivania del suo capo, nel laboratorio dell'ospedale  dove lavora, naturalmente fuori orario lavorativo. Da quel momento ad intervalli regolari ci si incontra, dopo adeguato scambio di sms per aumentare la sua già smisurata libido.
Con gli anni si è appesantita fisicamente m...

Leggi tutto l'articolo