La carne è cancerogena? Tutto quello che c'è da sapere: 20 domande e 20 risposte dall'oms

La carne è cancerogena? È l'argomento dominante nelle conversazioni negli ultimi giorni.
Ma cosa ha detto davvero lo studio dello IARC? Facciamo un po' di chiarezza con una serie di domande e risposte dell'OMS sull'argomento.
Se, da un lato, sono moltissime le persone non disposte a rinunciare alle loro abitudini alimentari, dall'altro in tanti stanno cercando di capire il perché della necessità di eliminare, o quantomeno ridurre, la carne dalla nostra dieta, con particolare riferimento alla carne rossa e alle carni lavorate.
1.
Che cosa considera come carne rossa? Con carne rossa ci si riferisce a tutte le carni di mammifero, compreso, manzo, vitello, maiale, agnello, montone, cavallo e capra.
2.
Cosa si considera come carni lavorate? Con carni lavorate si intende la carne che è stata trasformata attraverso salatura, stagionatura, fermentazione, affumicazione, o altri processi per migliorare il sapore e migliorare la conservazione.
Le carni più elaborate contengono carne di maiale o manzo, ma le carni trasformate possono anche contenere altre carni rosse, pollame, frattaglie o sottoprodotti come il sangue.
Esempi di carni lavorate sono hot dog (wurstel), prosciutto, salsicce, carne in scatola, carne secca e carne in scatola, preparazioni a base di carne e salse.
3.
Perché lo IARC sceglie di valutare le carni rosse e le carni lavorate? Un comitato internazionale consultivo che si è riunito nel 2014 raccomanda carni rosse e carni lavorate come priorità per la valutazione da parte del programma Monografie IARC.
Questa raccomandazione si basa su studi epidemiologici che suggeriscono che un piccolo aumento del rischio di diversi tumori può essere associati con elevato consumo di carne rossa o carni lavorate.
Anche se questi rischi sono piccoli, potrebbero essere importanti per la salute pubblica, perché molte persone in tutto il mondo mangiano carne e il consumo di carne è in aumento nei paesi a basso e medio reddito.
Anche se alcune agenzie raccomandano già di limitare l'assunzione di carne, queste raccomandazioni sono volte principalmente a ridurre il rischio di altre malattie.
Con questo scopo, è stato importante per lo IARC di fornire prove scientifiche autorevoli sui rischi di cancro legati al consumo di carne rossa e di carni lavorate.
4.
I metodi di cottura cambiano il rischio della carne? I metodi di cottura ad alta temperatura generano composti che possono contribuire al rischio cancerogeno, ma il loro ruolo non è ancora pienamente compreso.
5.
Quali sono i metodi più sicuri di cottura della carne [...]

Leggi tutto l'articolo