La città delle donne, recensione di Biagio Giordano

La città delle donne è un film del 1980 diretto da Federico Fellini.
Marcello Snàporaz (Mastroianni) è un uomo maturo, troppo normale, maschilista, incauto nel procedere praticamente quando sorge in lui un desiderio sensuale di possibile realizzazione.
Durante un tragitto in treno, è attratto da una misteriosa signora che sembra voler assecondare ogni suo desiderio erotico, ma l'arrivo della donna nella propria stazione di destinazione impedisce alla coppia di proseguire nelle effusioni ormai in fase avanzata.
Marcello, ancora un po' stordito, decide di seguire la signora, che, stranamente, si avvia a passo spedito in mezzo a una campagna folta, ombrosa, e inquietante.
Marcello Snàporaz si ritrova a un certo punto in un grande albergo rumoroso che ospita un caotico convegno di libere femministe, impegnate a esorcizzare il potere maschile su di loro con rappresentazioni sceniche satiriche, e umorismo sadico.
La strana manifestazione ha per oggetto gli aspetti più importanti dei ruoli cr...

Leggi tutto l'articolo