La colonna de piazza-Colonna

La colonna de piazza-ColonnaMa cch'estro ha da vienì a 'no scarpellinode stampà le colonne a cresceccala,come jerzera tu fascessi in zalaco cquer rotolo tonno de scerino!Sti pupazzetti poi vestiti in galasò ttutte l'Arte antiche: c'è er rotino,er barcarolo, er muratore, e inzinola ggente co la sega e cco la pala.Ce sò puro le forche, li tormenti,la Carestia (1) cor Zanto Madrimonioe tutti l'antri sette Sagramenti.Pare fatta per arte der demonio!Eppuro nò, cché in diesci ggiorni o vventila bbuttò ggiune un certo Mastr'Antonio.
(2)Note:1 Eucaristia.2 Colonna Antonina.Giuseppe Gioachino BelliRoma, 23 ottobre 1831 - De Pepp'er tosto(Sonetto 222)

Leggi tutto l'articolo